3.1.18

fantasmi finalmente in pace

All’inizio di questo anno 2018, che ci metterò due mesi per abituarmi a scriverlo, vorrei fare dei ringraziamenti. Chissà perché dobbiamo per forza schifare l’anno passato, io invece penso che sia stato un anno bellissimo. Passiamo la vita, mano a mano che la decrepitezza avanza, a dire che era meglio PRIMA, poi ogni ultimo dell’anno riparte la retorica dell’anno vecchio pieno di sfighe. O prima era meglio, o prima faceva schifo, decidiamoci.
Ho da poco fatto stampare 800 fotografie. Praticamente 15 anni di foto, fino ad allora imprigionate nella memoria volatile DELL’INTERNETTE, come fantasmi dannati in attesa di ottenere la salvezza dalla digitalizzazione ed essere finalmente fissati su un supporto materiale, quale degna sepoltura e pacificazione finale.
Quei fantasmi sono gli attimi di vita vissuta, e riguardandoli tutti, dalle dieci all’una di notte,per circa una settimana, allo scopo di ordinare le foto cronologicamente, e incollarle sugli album, ho visto la nostra storia, ed era una bella storia.
Una bella vita. Pure il 2017. Il vantaggio degli scatti digitali è che, potendoli “sprecare”, non ci sono solo foto in posa in cui tutti sono sorridenti e fermi: si immortalano smorfie, cose ridicole, la quotidianità delle ceste di cose da lavare, la torre di scatole da scarpe, l’asciugatrice nuova, il carroarmato lego. Si fotografa non una vita in posa, ma qualcosa che assomiglia di più alla propria vita vera.
E quindi, intanto, grazie per il 2017.
Vorrei ringraziare il Gmarito perché durante il soggiorno Bolognese dai nonni, la sera del 24 alle ore 23.35, quando accingendomi furtiva come una ladra a posizionare i pacchi di Babbo natale sotto il presepe, ho realizzato che all’appello ne mancava uno (in quanto rimasto a casa nascosto sotto al letto), non mi ha detto che ero la solita disorganizzata, pasticciona, casinista. Ha detto: capita, con tutte le cose che hai fatto, in fondo hai 4 figli, non è la fine del mondo
Grazie anche perché lui è il nostro guidatore e il nostro auriga, ci porta in giro per il mondo (e le autostrade) mostrandoci (mi) che non bisogna avere paura.
Vorrei ringraziare le persone che mi hanno chiesto di dipingere le tazze, o commissionato dei disegni, perché grazie a loro ho meno rughe e un’aspettativa di vita maggiore.
Vorrei dire grazie ai nuovi amici, alla FataMadrina, alla famiglia degli SpiritiRianimatori, che ci confermano che ogni persona che conosciamo è una finestra sul mondo. E grazie ai vecchi amici, troppi da elencare, che costituiscono uno dei pilastri per la felicità, e confermano che l’unica cosa reale sono le relazioni. Tutto il resto alla fin fine è illusione.
Ringrazio Megamind che quando ho avuto una crisi isterico-ossessiva-compulsiva per essere riuscita a perdermi in un tragitto di 1,5 km, mi ha invitato alla calma (gridando, naturalmente): - Basta, allora! Mamma! Non sei mica una bambina!- e così facendo ha prodotto due risultati: farmi vergognare tantissimo, riprendere uno straccio di dignità, e realizzare che no, in effetti non sono più una bambina. Potrà non piacermi, ma è così. O quantomeno devo comportarmi da adulta: è tutta una questione di calarsi nel ruolo.
Grazie a WonderWoman (per fortuna già disincantata dalla favola di Babbo Natale) che quando le ho detto, la mattina di Natale, che sua madre svampita è riuscita a dimenticare il suo regalo a casa, mi ha detto che non importava.
Grazie a CatWoman che da me pretende lavoro di pazienza e continenza emotiva continua, e grazie a SuperMario perché è ancora un bimbetto sgambettante.
Grazie ai miei fratelli, perché tutti assieme custodiamo l’uno l’identità dell’altro, e questo non cambierà mai.
Grazie ai miei cognati, la zia Lavandina e lo zio Fritz, la zia Chiara, per il modo in cui vogliono bene alla Gfamily.
Grazie per tutto il tempo, per tutti questi giorni.
Il proposito per il 2018 è solo uno: riuscire a svegliarsi alle 6.00.
Poi ci vorrebbe una bella influenza gastrointestinale per smaltire tutto il cibo bolognese.


Nessun commento:

Posta un commento