18.1.18

paure moderne per madri al passo con i tempi

Adesso noi madri e padri dobbiamo guardarci anche da internet.
Wifi maledetto
Perchè, nella migliore delle ipotesi, i figli cazzeggiano tutto il giorno sul web, e prendono voti pessimi a scuola.
Nella peggiore incontreranno zingari virtuali rapitori di bambini, blogger lobotomizzati che li trascineranno sulla via della superficialità culturale, siti pornografici o zoofili.
Ora, senza che neanche ce ne accorgessimo, subdolamente, strisciando e insinuandosi sottoforma di regali di compleanno, natale o altro, malefici dispositivi tutti dotati di wifi, hanno invaso casa nostra.
Solo pochi anni fa, in casa c'era un solo pc.Per il quale occorreva fare istanza. W'up era unico per tutti, cosa che ha fatto prolificare i gruppi in maniera tragica. Ma avevamo il controllo.
Ora invece- all'improvviso- abbiamo:
- due telefoni smartphone dei Fantastici maggiori.(inevitabile: puoi rinunciare a w'up e rimanere tagliato fuori dalla chat di classe, di scout, di coro, dei maschi, di catechismo, della festa di compleanno? No, a meno che non si voglia che il proprio figli diventi un emarginato, disadattato, e usufruisca dell'alibi dell'ignoranza)
- Un Pc in camera di Megamind, ufficialmente ragalato per fare ricerche sul web, guaradre documentari di Piero Angela e controllare il registro elettronico della scuola (hahahahaha!)
- un tablet ragalato da un incauto nonno per la cresima di WonderWoman, il quale, provvidenzialmente rottosi per opera dello SpiritoSanto in persona, è stato poi aggiustato dal suddetto nonno che si è inconsapevolmente reso complice del Demonio.
- il pc mio (mio per modo di dire, nel senso che quando un giorno mi sono seduta alla scrivania della sala per controllare una cosa, SuperMario mi ha guardato e mi ha chiesto:-Mamma! perchè sei qui? E non sei in cucina?)
- l'ipad del Gamrito al quale viene continuamente cambiata la password per impedirne l'uso, ma i fantastici sono peggio degli Hacker e riescono ad impadronirsene continuamente.
- la smart tv. Ovvero un telefonone gigante.

Tutti questi apparecchi (e parlo consapevolmente come mia nonna) chiamano dai loro schermi, con voce suadente di sirene omeriche, i miei incauti bambini, allo scopo di mangiargli il cervello.
Un giorno, sono andata in camera dei maschi e trovo Megamind che si guardava i trailer dei film compulsivamente.
In camera delle bambine WonderWoman si stava rimbambendo con una soap-opera spagnola da adolescenti sullo smartphone, e Catwoman nascosta sotto alle coperte, dopo avere hackerato l'ipad, guardava un video su come fare lo slime con dentifricio, schampoo, nitroglicerina e schiuma da barba.
SuperMario intanto si stava guardando una roba non identificata sottoforma di cartoni alla tv. (l'unica attività in effetti approvata dalla sottoscritta)
Almeno una volta la tv unica riuniva tutti davanti alle stesse immagini, era quasi una commuovente scenetta domestica, al confronto.

Ammettiamolo:
Quando sono connessi, diventano i figli ideali.
Ma sono disattivati dal mondo e dal tempo. 
Non litigano. 
Non si annoiano. 
Non sporcano. 
Non fanno disordine. 
Questa è una di quelle (numerose) situazioni in cui la Madre deve farsi violenza fare quella cosa terribile che si chiama
"è per il tuo bene, amore" 
e che tutti i coinvolti detestano.
Dunque si abbandona la tranquillità fittizia dei figli lobotomizzati, e ci si impantana con le regole.
E dunque, raccolti tutti nella piazza domestica, ovvero la cucina, si dà il via al Grande Proclama.
"Adesso basta!
D'ora in avanti avete solo un'ora al giorno massima da usare su qualsiasi dispositivo dotato di schermo con o senza connessione a internet e nella fattispecie:
smartphone
tablet
tv
pc
wii
nintendo
L'unico dispositivo elettronico concesso senza limitazioni è il lettore mp3, il termometro digitale e il contapassi.
Ogniqualvolta volete usufruire della vostra ora dovete fare istanza (anche solo verbalmente), dichiarare COSA vedrete, e mettere un timer. Se barate, perdete l'ora per due giorni.
Sono concesse deroghe per ricerche su iternet debitamente documentate alla sottoscritta.
L'uso può essere anche frazionato in due mezz'ore in due momenti diversi della giornata.
Ogni abuso verrà punito con modalità decise dall'autorità genitoriale suprema.
Non è consentito apporre ricorso."

Questo comporta l'attivazione di un servizio di gendarmeria che toglierà tempo, voce, modalità zen, alla sottoscritta.
E' tutta una fatica.

Ora i Fantastici, che da una settimana sono sottoposti al regime, si aggirano come deadh mans per la casa e con voce affievolita dall'inedia annunciano al mondo che stanno morendo di noia.
("la noia fa bene ai bambini" ah lo so, lo so. Lo dicevo sempre anche io. Quattro figli che si annoiaino però sono una catastrofe.)
Alla fine chi ci rimette sono  sempre, e comunque, io.


1 commento:

  1. Però brava. Anche se ti fai il fegato grosso è un'ottima decisione.

    RispondiElimina